L'ultimo orrore di Isis: "Armi chimiche per gli squadroni della morte"

L'ultimo orrore di Isis:

Secondo l'intelligence statunitense, l'Isis starebbe lavorando alla costituzione di una nuova cellula per le armi chimiche in Siria. Intanto, un filmato di propaganda di oltre 40 minuti proveniente dall'Iraq mostra mortai, fucili da cecchino e aerei kamikaze modificati in modo da arrecare più danno al nemico.

La zona designata per riunire gli esperti si trova nella valle dell'Eufrate tra Mayadin e Qaim, in un'area sotto il saldo controllo dell'ISIS e non eccessivamente lontano dal confine con l'Iraq.

Secondo gli esperti americani, l'Isis starebbe consolidando le sue competenze in fatto di armi chimiche per rafforzare la propria capacità di difesa delle sue rimanenti roccaforti.

Del resto nella sola zona di Mosul dallo scorso 14 aprile vi sono stati almeno 15 attacchi condotti con armi chimiche, secondo quanto affermato dai funzionari militari alla Cnn.

Stando a quanto dichiarato da Ryan Dillon, portavoce della coalizione statunitense, l'ISIS ha già utilizzato agenti chimici di basso grado e non avrebbe dunque esitazioni a servirsi di armi più potenti.

In precedenza il rappresentante ufficiale del Pentagono Jeff Davis ha osservato che i guerriglieri potrebbero essere in possesso non solo di armi chimiche ma anche biologiche. "Non vogliamo che diventino bravi" in questo campo. L'agenzia che dà notizia dell'attacco cita il direttore dell'ospedale di Salamiya, capitale della provincia che è stata presa di mira questa mattina all'alba da miliziani locali dello Stato Islamico.