Bilancio, De Luca contro M5S: oscilla tra sciacallaggio e "ciucciaria"

In commissione Bilancio, abbiamo nuovamente richiesto le motivazioni, facendo presente le molteplici incongruenze. "Vistosi alle strette il governo regionale ha ritirato il provvedimento con la rassicurazione che lo avrebbe corretto e ripresentato di lì a qualche giorno".

"Le dimissioni del presidente dei Revisori dei conti, Antonio Porcaro, sono state liquidate come un'inopportuna richiesta di aumento stipendiale da parte del presidente del Consiglio - accusa Ciarambino - è stato un depistaggio per occultare, invece, i 23 punti della lettera di dimissioni, un vero atto d'accusa, dove si denunciano fatti gravissimi, confermati nella recente audizione in Commissione Trasparenza".

"Il Collegio dei revisori dei conti è l'organo di controllo per eccellenza dell'attività della Giunta e del Consiglio regionale - sottolinea Ciarambino - dalle parole e dai documenti dell'ex presidente è emerso il costante rigetto da parte dei vertici sia del Consiglio che della Giunta di una proficua collaborazione con l'organismo di controllo".

"L'attuale governo della Regione Campania non ha prodotto neanche cinquanta centesimi di debito fuori bilancio".

"Noi lanciamo l'allarme sulla pericolosa allergia al controllo da parte di De Luca - fa notare - e non solo nei riguardi degli organi terzi, ma anche degli organi consiliari preposti al controllo". Nel dettaglio D'Alessio spiega: "I 600 milioni di debiti fuori bilancio addirittura 'accumulati in due anni' sono i debiti portati in bilancio della Regione a copertura di situazioni debitorie di tanti anni passati tra la Regione e l'Eav e, come sanno bene i Cinquestelle, sono relativi al risanamento dell'azienda di traporto regionale". Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania nel corso del suo intervento alla presentazione del rapporto della Bocconi sulla sanità. Abbiamo chiesto perché il regolamento di contabilità, che disciplina procedure e controlli della contabilità regionale, manchi in Campania, nonostante la legge che lo prevede sia del 2011 - aggiunge - l'assessore al Bilancio ci ha risposto che il gruppo di lavoro che stava lavorando alla redazione del regolamento di contabilità, a causa della Legge di stabilità 2016 voluta da De Luca, che cancellava tutti i gruppi di lavoro, è stato sciolto e quindi il lavoro interrotto.