Gaviria tris a Reggio Emilia. Mareczko 2°, Dumoulin rosa

Gaviria tris a Reggio Emilia. Mareczko 2°, Dumoulin rosa

L'iniziativa, promossa dalla Rete di associazioni di pazienti SENZA LA C e realizzata in collaborazione con la Centesima edizione del Giro d'Italia e il CDI-Centro Diagnostico Italiano, vedrà come prossime tappe Reggio Emilia (18 e 19 maggio), Bergamo (21 maggio) e Milano (28 maggio): in ciascuna di queste città saranno distribuiti opuscoli informativi e sarà possibile effettuare test diagnostici gratuiti. Per l'Italia una nuova piazza d'onore, ma più di così, oggi, non si poteva raccogliere. È il terzo successo di Fernando, che diventa il primo colombiano a vincere tre tappe nello stesso grande giro.

Il via, pochi minuti prima di mezzogiorno, con due attaccanti che si muovono non appena Stefano Allocchio abbassa la bandierina. Gli ultimi 120 km fra discesa e pianura non lasciano spazio ad alcun finale diverso dallo sprint a ranghi compatti.

Il vincitore di tappa Omar Fraile ha dichiarato: "Avevo questa tappa nel mirino da tanto tempo".

Qualche km prima i corridori avevano percorso un lungo tratto, circa 33 km, sulla "Panoramica" dell'autostrada Firenze-Bologna, da Barberino di Mugello a Rioveggio, evento senza precedenti nella storia del Giro d'Italia. Al km numero 100 inizierà la seconda e ultima salita di giornata, più semplice, che condurrà il gruppo al Valico Appenninico (731 metri, gpm di terza categoria).

La consueta lotta per mantenere le posizioni d'avanguardia coinvolge anche il Movistar Team, con Daniele Bennati e Juan José Rojas attentissimi a tenere Nairo Quintana al riparo da qualsivoglia rischio.

Dopo l'ottima prestazione di ieri, Jakub Mareczko (Willier Triestina-Selle Italia) cerca la definitiva consacrazione. Mareczko, 3. Bennett, 4. Quarto posto per il tedesco Phil Bauhaus (Sunweb-Giant) e quinto per l'argentino Maximiliano Richeze (Etixx-Quick Step). "Pozzovivo a 3'59"; 9. Domani Tom Dumoulin (Team Sunweb) ripartirà in Maglia Rosa per il terzo giorno consecutivo.