Sarri: "La Fiorentina ci mette in difficoltà, ci toglie possesso palla"

Sarri:

Nonostante la situazione, le motivazioni non mancano alla squadra di Maurizio Sarri, che così ha parlato nella consueta conferenza della vigilia: "L'avere o meno il futuro nelle nostre mani ci deve interessare relativamente", ha detto.

Noi nel nostro sogno non siamo contenti del terzo posto, che ci porta a un preliminare. La prevendita va a gonfie vele e sono già stati superati i 40.000 biglietti venduti, compresi i circa 6.000 abbonati, per una gara che il Napoli deve vincere per continuare a sperare nel secondo posto. "Noi siamo la squadra che ha creato più difficoltà al Napoli".

"Siamo soddisfatti di quello che stiamo facendo, ma vorremmo arrivare in fondo continuando come abbiamo fatto perché lo riteniamo una base e un'inerzia per continuare a fare bene". Allan non è in condizioni critiche, ma valuteremo se farlo giocare. Tra le fila della Fiorentina, invece, Astori e Borja Valero sono squalificati e dovrebbero essere sostituito da Tomovic e Cristoforo. Il sogno non dev'essere dei giornalisti, ma nostro, voi dovete raccontare le cose come stanno e io non lo vedo spesso, se serve per vendere i giornali alzo le mani.

Sulla sfida con gli azzurri: "Mantengono sempre una grande pressione sull'avversario e giocano alla stessa maniera dell'anno scorso". Però sono rare. Tutti ricordano del Leicester perchè è una cosa rara. Lui in certe partite è una soluzione straordinaria, ma abbiamo delle alternative. "A me quella di Sousa è una squadra che piace".

A chi reputa il gioco del Napoli come il più bello d'Europa, Sarri ha sottolineato: "È piacevole da vedere ma l'obiettivo è vincere le partite, perciò bisogna unire le capacità di palleggio ai risultati". Il gruppo poi ha valori importanti e crede in quello che propongo. Confermatissimo il tridente leggero composto da Insigne, Callejon e dal quasi fresco di rinnovo Dries Mertens. Spesso ad esempio ha parlato di fatturati, un concetto ribadito anche stavolta: "Chi ha più soldi può comprare la macchina più lussuosa, è normale ma non è matematico che poi il più ricco vinca". Potevano fare anche di più, non so i motivi per cui non ci sono riusciti. È un difetto che ho, ma forse anche un pregio.