Trump sempre più nei guai. Chiesto l'impeachment e nuove accuse dal NYT

Trump sempre più nei guai. Chiesto l'impeachment e nuove accuse dal NYT

Roma, 18 mag. (askanews) - Il presidente Usa Donald Trump è "soddisfatto" dell'impegno assunto dai membri della Nato ad aumentare la loro partecipazione finanziaria all'Alleanza, ma non scarta la possibilità di ritirare gli Usa se queste promesse non verranno realizzate. Il democratico Al Green ha presentato al Congresso USA, formale richiesta di impeachment per il numero uno della Casa Bianca, accusandolo di ostruzione alla giustizia a seguito del caso Comey, l'ex direttore del FBI licenziato da Trump.

Un altro responsabile della Casa bianca, secondo alcuni giornalisti, ha affermato che Trump "non resterà nella Nato, se la Nato non va avanti e non avanti molto più velocemente". In sintesi, perciò: una nomina che solitamente prevede l'avvio dell'impeachment, (ma non questa volta) arriva dal Governo invece che dalla Camera e solitamente dovrebbe essere fatta dal ministro della Giustizia (ma non questa volta) su un soggetto il cui nominativo dovrebbe già essere a conoscenza del presidente (ma non questa volta). E qui c'è da dire che ieri Trump è stato in qualche modo smentito niente di meno che dal Presidente russo Vladimir Putin il quale con una serie di battute ha di fatto sostenuto che nessuna rivelazione è arrivata al Cremlino. Infine, sempre ieri, il 'New York Times' ha pubblicato un memorandum di Comey che riporta i contenuti di una conversazione con Trump, il quale gli avrebbe chiesto di "lasciar cadere" l'inchiesta su Flynn.

Bill Clinton è stato il secondo presidente a subire l'impeachment per il caso Lewinski. L'impeachment di Richard Nixon per il caso Watergate fu approvato in Commissione, ma il Presidente si dimise prima che l'aula della Camera potesse votare.

La Costituzione americana recita che il Congresso può avviare l'impeachment per "tradimento, corruzione o altri crimini e delitti".

Ad inizio pomeriggio, l'euro/dollaro si conferma in lieve arretramento, poco sopra quota 1,1100, senza però allontanarsi troppo da quota 1,1174 vista a inizio seduta, il livello più alto dai sei mesi. Se a essere sottoposto a impeachment è il presidente degli Stati Uniti, il presidente della Corte suprema presiede il Senato. Al processo in Senato, Johnson evitò la rimozione, anche se per un voto appena. Tra i capi d'accusa, oltre alla falsa testimonianza, anche l'ostruzione alla giustizia. Come finì lo scandalo più famoso della storia americana, quello per il Watergate, è noto: Nixon sull'orlo dell'accusa di impeachment e destinato probabilmente a essere defenestrato, scelse di dimettersi prima.