Cannes 2017: "Okja" & Tilda Swinton dividono il festival

Cannes 2017:

Non c'è pace per Netflix a Cannes. O almeno credevano. Ma non tutto è andato per il verso giusto e quando il film è iniziato, la folla ha incominciato a fischiare.

Quest'anno infatti è la prima volta che Netflix è presente in concorso al festival di Cannes. In particolare la Swinton ha dichiarato in conferenza stampa "il Presidente di giuria ha tutto il diritto di dire quello che pensa, noi non siamo venuti al festival per i premi, siamo venuti per mostrare il nostro film avendo la meravigliosa opportunità e il privilegio di poterlo proiettare sul grande schermo".

Il film è stato proiettato per oltre 6 minuti in un formato errato e mentre i critici urlavano, fischiavano e battevano i piedi nella speranza che i proiezionisti si accorgessero dell'errore, i malpensanti hanno subito affilato le lame, gridando al sabotaggio.

Come riporta Variety l'episodio è avvenuto questa mattina alla proiezione mattutina per la stampa di "Okja", film Netflix con Tilda Swinton e Jake Gyllenhaal.

Lily Collins (L'eccezione alla regola), Steven Yeun (The Walking Dead) e Giancarlo Esposito (Breaking Bad), hanno recitato al fianco di diversi attori coreani nella pellicola bilingue, tra cui la giovanissima Ahn Seo-hyun, che interpreta Mija, una bambina che cerca di proteggere una grande creatura - definita dal regista 'un animale molto timido e introverso. A creare ulteriori disagi sono stati proprio quest'ultimi poiché in fase di proiezione gran parte dell'immagine risultava tagliata, impedendo la corretta fruizione del film.

Lo scontro, destinato a fare la storia dell'intrattenimento, non è assolutamente finito, piuttosto sembra solo all'inizio.

Okja è un film che mescola i generi, e che alterna gli inseguimenti da film d'azione alle scene idiallico/bucoliche delle montagne dove il porcellino diventa gigantesco.