Zuckerberg dichiara guerra al terrorismo sui social (e chiede consiglio agli utenti)

Zuckerberg dichiara guerra al terrorismo sui social (e chiede consiglio agli utenti)

Insomma, come potrebbe Facebook scovare un gruppo di terroristi che usa il social network per tenersi in contatto senza poter tracciare cio' che gli utenti condividono? "Questa cosa funziona proporzionalmente alle informazioni che riceviamo". Che cosa dovrebbe succedere all'identità online di una persona dopo la morte? Come assicurare che i social media siano corretti nei confronti della democrazia?

Come possiamo usare i dati che abbiamo senza rompere il rapporto di fiducia con i nostri utenti?

Facebook ha confermato il bug spiegando "di aver risolto la questione e intrapreso un'indagine approfondita per impedire che questo tipo di problemi si possa verificare in futuro". Ma come farlo, senza violare la privacy?

Come possiamo decidere quali post rimuovere? Nei rari casi in cui ci accorgiamo che la minaccia è imminente, avvertiamo le forze dell'ordine. Questo sistema si basa anche sui feedback delle persone che informano Facebook della presenza di contenuti pro-terrorismo che vedono all'interno della piattaforma. "Abbiamo dei team che valutano le informazioni riferite a post che sostengono il terrorismo: cerchiamo di rimuoverli il più velocemente possibile".

Zuckerberg ha inoltre comunicato che la sua società sta usando la comprensione del linguaggio naturale per analizzare il testo che è simile a quello che già è stato rimosso in precedenza - se un post contiene frasi che in precedenza erano gia' state legate al terrorismo e quindi sono state rimosse, esso sarà prontamente rimosso o non pubblicato.

"Attualmente stiamo utilizzando le nostre tecniche più all'avanguardia per combattere i contenuti terroristici pubblicati dall'ISIS, Al Qaeda ed affiliati, e presto espanderemo il nostro raggio d'azione anche ad altre organizzazioni" hanno affermato alcuni rappresentanti dell'azienda. Come dichiarato dallo stesso Zuckerberg: "È un dibattito che durerà anni".

Facebook ha anche ricordato la partnership con il governo.