Bill Cosby, giuria in stallo: il processo è nullo

Bill Cosby, giuria in stallo: il processo è nullo

Il procuratore distrettuale Kevin Steele ha infatti dichiarato che riproverà a "inchiodare" Cosby. Il giudice americano non ha potuto fare altro che dichiarare il processo 'mistrail' o nullo.

E' questo perché in realtà non è ancora tutto finito in quanto la pubblica accusa sta lavorando per riportare Bill Cosby a processo. La Constand ha accusato il "papà" de I Robinson di averla sedata con del Metaqualone e di aver quindi abusato di lei. Lo riportano i media americani a proposito del processo apertosi il 12 giugno scorso a carico del "papà d'America". La donna, una dipendente della Temple University che aveva conosciuto Cosby sul lavoro, lo aveva denunciato nel 2005 per essere stata drogata e violentata nella casa di Cosby a Philadelphia, l'anno precedente. Un giudice arrogante, un'accusa ambiziosa, e media che brutalmente informazioni non vere solo per il gusto del sensazionalismo.

Cosby è accusato di violenza sessuale nei confronti di diverse donne e rischiava fino a dieci anni di carcere.

"Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto Bill Cosby, che sono venuti qui per ascoltare la verità", hanno replicato i suoi legali.

Vittoria "ai punti" in tribunale per l'attore comico statunitense Bill Cosby.

Con l'annullamento del processo l'accusa può decidere di intraprenderne uno nuovo ma per essere efficace devono essere portate nuove prove. Il giudice Steven O'Neill ha precisato che rimane sotto inchiesta e libero su cauzione.