Confederations: Russia-Nuova Zelanda 2-0

Confederations: Russia-Nuova Zelanda 2-0

Nuova Zelanda (5-3-2): Marinovic; Colvey (83′ Patterson), Smith, Durante, Boxall, Wynne; Barbarouses (61′ Tuiloma), McGlinchey, Thomas; Rojas (71′ Smeltz), Wood. 2-0, min. 70, Smolov. Stadio "Krestovsky Stadium", San Pietroburgo. Mentre le semifinali incrociate tra le prime due di ciascun girone, che si giocheranno nei gironi 28 e 29 giugno, entrambe alle ore 20. Intanto però la favorita per la vittoria finale della competizione è il Portogallo di Cristiano Ronaldo che ha sicuramente un vantaggio rispetto alle altre per essere un gruppo molto solido.

Russia subito padrona del campo. Al 62′ una punizione di Samedov termina di poco alto, mentre al 69′ i russi raddoppiano: Smolov inizia l'azione a centrocampo allargando per Samedov che con un cross basso sul secondo palo pesca proprio l'attaccante numero 9 il cui appoggio in gol è un gioco da ragazzi. Negli ultimi minuti ci sarebbe anche l'occasione per arrotondare il punteggio, ma vista la grande differenza tecnica va bene così, in fin dei conti la Nuova Zelanda ha provato a giocare la sua partita nonostante le scarse risorse a disposizione. Cross dalla destra di Samedov, Boxall, sempre lui, 'buca' il rinvio e Smolov appoggia in rete da due passi. Sono 8 le nazionali che parteciperanno, si tratta dei vincitori delle competizioni continentali, ovvero Uefa, Caf, Cnmebol Afc, Ofc e Concacaf, poi i campioni del mondo in carica ed il paese ospitante (la Russia in questa edizione).

Da moribondo questo torneo si trasformerà probabilmente in morto; visto che nelle intenzioni della Uefa la neonata Nations League (si parte l'anno prossimo) avrà cadenza biennale, con la finale negli anni dispari.

Esordio positivo per la Russia, padrona di casa, all'esordio dell'8° Confederations Cup. Un dominio quello russo che viene premiato però solo con un autogol. La squadra di Hudson tenta la reazione d'orgoglio ma sull'incornata di Smith c'e' Zhirkov a salvare sulla linea di porta.