Radiohead, come vederli a Monza nonostante lo sciopero

Radiohead, come vederli a Monza nonostante lo sciopero

Parte stasera I-Days 2017, la grande festa della musica live che per quattro giorno animerà il Parco di Monza, con un cast che mai come quest'anno ha rilevanza internazionale. È andata più che bene, ieri. E che musica: il duo di dj di Twist&Shout, i gruppi italiani Shandon e Tre allegri ragazzi morti hanno reso l'atmosfera frizzante man mano che la gente arrivava all'area concerto, lo storico gruppo inglese ska e punk rock Rancid ha fatto ballare migliaia di fan accorsi da tutta Italia ma anche dall'estero, con il tedesco tra le lingue più gettonate.

Con due ore e mezzo di concerto ricco di momenti di interazione con il pubblico la band dei Green Day ha chiuso la prima giornata degli I-Days 2017 di fronte a 30mila persone (dato degli organizzatori).

E i Green Day, che hanno iniziato precisi alle 21 quando calavano le luci della sera, hanno dispensato quello che la platea chiedeva: puro rock, adrenalinico grazie alle tinte soft punk degli inizi (con i pezzi che li hanno resi famosi, "Basket case" e "Whenyou come around") e più corposo negli ultimi anni, nei quali oltre alla maturità artistica è arrivato anche l'impegno sociale.

Anzi una sorpresa c'è stata: la band di Oxford come penultimo bis ha suonato Creep, il successo planetario con cui si erano fatti conoscere nel '93 e rientrata da un anno circa nella scaletta dei concerti. E poi da tutta Italia, da sud a nord. E le code che alcuni hanno affrontato per entrare. Ci saranno controlli molto serrati all'ingresso, con metal detector e apertura di zaini e borse: chi va al concerto dovrà percorrere un serpentone indicato per raggiungere l'area del palco. Altri si sono riversati sui molti stand di magliette ufficiali ma anche di lavori di artigianato. Sabato Linkin Park e Blink 182, domenica Justin Bieber e Martin Garrix. Le nuove misure di sicurezza per i concerti dell'I-Days Festival sono estremamente restrittive: niente contenitori di vetro, trombette da stadio, pistole d'acqua e giocatolo, selfie stick, aquiloni, lanterne e petardi, no strumenti musicali, no coltellini, niente ombrelli.