Attacco alla Moschea a Londra, le immagini dell'uomo arrestato

Attacco alla Moschea a Londra, le immagini dell'uomo arrestato

Non ci sono ferite di coltello sulle vittime, come si era detto in un primo momento. Torna l'incubo terrorismo, anche se in questo caso le parti potrebbero essersi invertite. Dal suo interno il guidatore, un uomo di 48 anni, è uscito ma è stato immediatamente bloccato prima dalle persone che hanno assistito alla scena, e poi dalla polizia intervenuta pochi istanti dopo. Questo dev'essere ancora confermato. E' stato arrestato e poi condotto in ospedale per precauzione. Un furgone bianco è piombato poco dopo la mezzanotte sui fedeli usciti dalla moschea di Finnsbury Park dopo la preghiera serale del Ramadan uccidendo una persona e ferendone altre otto, di cui tre versano in gravi condizioni. "Tutti che gridavano e scappavano". E' caccia all'uomo per trovare il complice, forse due.

"Le persone sono terrorizzate, soprattutto chi ha figlie giovani", ha dichiarato Arsalan Iftikhar, avvocato specializzato in diritti umani che frequenta la moschea di Sterling dove vi sono un paio di guardie private armate.

Londra, ritorsione contro i musulmani. Il Muslim Council of Britain, riferimento istituzionale della grande comunità musulamana del Regno Unito, ha sottolineato che i fedeli musulamni sono stati colpiti "deliberatamnete" e dopo qualche ora dall'accaduto, in una nota ha rimarcato: "Si è trattato di una violenta manifestazione d'islamofobia", chiedendo un rafforzamento della vigilanza attorno alle moschee. Così Mohammed Kozbar, leader della moschea di Finsbury Park, ha commentato al Sun online l'attacco a Seven Sisters road: "E' un attacco terroristico, come lo abbiamo chiamato a Manchester, a Westminster e a London Bridge", ha aggiunto Kozbar. Khan, anche lui musulmano, si è congratulato con i servizi di emergenza, "che hanno risposto rapidamente e lavorato per tutta la notte".