Kawasaki, Rea: "Impossibile lottare per la vittoria con queste vibrazioni"

Kawasaki, Rea:

Santamonica SpA e Dorna WSBK Organization sono lieti di annunciare il prolungamento del contratto che vedrà il Misano World Circuit ospitare il MOTUL FIM Superbike World Championship fino al 2020.

Il leader del campionato Scott Deroue (MTM HS Kawasaki) ha passato la sua gara nel secondo gruppo e ha lottato per la top 7, ma ha concluso in dodicesima posizione e dopo questa gara l'olandese è sempre il leader, ma ha soli tre punti di vantaggio prima della pausa estiva. Melandri chiude il gruppo di testa, gruppo che ha già creato un bel buco sugli inseguitori Lowes e Van Der Mark. Sono stati i primi cinque giri a farmi perdere la chance di lottare per la vittoria. Il pilota ravennate ha preceduto sul podio gli alfieri del Kawasaki Racing Team, Jonathan Rea e Tom Sykes. "Quindi speriamo di esserci a Laguna Seca". Ieri il feeling con la moto era decisamente migliore e non capisco che cosa sia successo. E' stato un peccato che non siamo riusciti ad entrare nei primi dieci in gara1 per poter partire un po' più avanti con la griglia invertita. Chaz Davies era al comando a poche curva dal traguardo quando è scivolato ed è stato investito da Jonathan Rea, che con la Kawasaki era incollato alle sue spalle. Una vittoria inseguita dal pilota di Ravenna, che riscatta la delusione della casa di Borgo Panigale dopo lo sciagurato sabato. Subito dietro un altro italiano, Alfonso Coppola.

In mattinata Superpole di Tom Sykes (quarantesima in carriera), per il quale il giro veloce a MWC è un'autentica specialità. Terzo Davies che complice il doppio zero di Misano resta ancorato a 185 punti davanti a Melandri che ricuce sul compagno di squadra accorciando il distacco a 22 punti. Per adesso il feeling con la Fireblade non è nato, un decimo posto e un ritiro sono poco per chi ha il dovere di portare in alto la Honda, che rimane la peggior moto del lotto. Al dodicesimo giro una scivolata mette fuori gioco Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team). Anche il pilota di San Marino Alex De Angelis conclude la propria corsa durante il sesto passaggio, a seguito di una caduta. Non mi sono trovato bene nei primi giri e stavo pensando a cosa modificare per gara2.