Mali: attacco a residence turistico frequentato da occidentali

Mali: attacco a residence turistico frequentato da occidentali

Tra di essi, tre cittadini del Mali e quattro occidentali.

Secondo le prime informazioni si tratterebbe del camping Kangaba, resort turistico frequentato prevalentemente da occidentali: qui sarebbero stati uditi colpi di armi automatiche al suo interno; dopo gli spari inoltre, testimoni avrebbero visto del fumo salire verso l'alto: squadre di soldati dell'esercito del Mali hanno raggiunto la struttura, che si trova alla periferia della città, sulla strada verso Segou, insieme a forze francesi antijihadiste per circondare l'area e verificare se vi siano o meno degli ostaggi.

I jihadisti che hanno attaccato il resort gridavano "Allah Akhbar" al momento dell'attacco. Ci sarebbero anche ostaggi. Inoltre il Mali è una zona di influenza francese e il presidente Macron ha scelto proprio questo Paese africano come primo Paese straniero dove recarsi in visita. Non si hanno ancora notizie di vittime, ma alcuni media locali parlano di un dispositivo di sicurezza messo in atto dalle forze maliane, che con buona probabilità faranno irruzione nella struttura. Un attentatore era stato ucciso dalle forze di sicurezza ma non c'erano state altre vittime.

Il 20 novembre di due anni fa, un gruppo terroristico armato attaccò l'hotel Radisson Blu di Bamako, uno dei più lussuosi della capitale del Mali, prendendo ostaggi e uccidendo 20 persone. Confermata dalle autorità anche la morte di due persone, tra cui un franco-gabonese.