Mestre, li invita a cena e poi li uccide: movente passionale

Mestre, li invita a cena e poi li uccide: movente passionale

Una ragazza straniera e un italiano sono stati barbaramente uccisi nella tarda serata di sabato in una abitazione di via Abruzzo, a Chirignago, alla periferia di Mestre. Gli agenti della squadra mobile, su delega della Procura di Venezia, sono sul posto per i primi accertamenti.

Delitto risolto in poche ore. In attesa della convalida dell'arresto, che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, si attendono i primi risultati degli esperti sulla dinamica dell'accaduto. Gli investigatori stanno cercando di capire la causa scatenante della violenza contro le due vittime. A chiamare la Polizia è stato lo stesso assassino con una telefonata.

Sembra che una delle due vittime, una donna dell'est Europa, Anastasia Shakurova, 30 anni, avesse avuto in passato una relazione con l'assassino e successivamente si fosse fidanzata con la seconda vittima, Biagio Junior Buonomo, 31enne ingegnere di Barano d'Ischia, in provincia di Napoli. I loro nomi per il momento non sono stati diffusi.

Un omicidio passionale premeditato, a partire dalla sostanza narcotizzante mescolata alla bevanda servita durante la cena.

Nessuno nel condominio si sarebbe accorto di quanto accaduto.

Il legale di Perale, l'avvocato Matteo Lazzaro, ha riferito che nel primo interrogatorio il suo assistito si è avvalso della facoltà di non rispondere. Un residente ha descritto il presunto omicida come una persona tranquilla: "lo vedevo sempre solo". Forse un piano diverso, finito poi in tragedia: il reo confesso aveva drogato le due vittime per poi ucciderle in un presunto scoppio d'ira. L'aggressione è infatti iniziata in cucina, dove i tre stavano consumando la cena, ma il duplice delitto è terminato in due zone diverse dell'appartamento di Chirignago.