Parma promosso: le 22 squadre della serie B 2017

Parma promosso: le 22 squadre della serie B 2017

Per l'Alessandria, nella finale playoff, l'ennesima beffa atroce.

Parte fortissimo la squadra di D'Aversa: l'ex tecnico del Lanciano conferma il suo 4-3-3 e ritrova capitan Lucarelli dal primo minuto.

Nella ripresa l'Alessandria rientra dagli spogliatoi con più convinzione bisognosa di agguantare il pareggio. Per la squadra di D'Aversa si tratta della seconda promozione consecutiva. In semifinale gli emiliani hanno sconfitto il Pordenone ai calci di rigore (6-5 il risultato finale), dopo che i tempi regolamentari si erano conclusi sull'1-1 con le reti di Scaglia (Pa) e Marchi (Po), guadagnandosi il passaggio di turno tra le polemiche per un arbitraggio fin troppo favorevole. La favola del Parma post fallimento continua, ed è apparentemente priva di ostacoli. L'Alessandria è approdata in finale, dopo aver sconfitto la Reggiana (2-1) grazie alla doppietta realizzata da Gonzales. Come nel primo tempo alla prima occasione vera il Parma raddoppia anche se in maniera roccambolesca: Giorgino dalla sinistra mette in mezzo per Nocciolini che di sponda col petto serve l'accorrente Scavone. "Il gol della sicurezza arriva al 67′, dopo un'azione insistita dei crociati è Nocciolini a insaccare eludendo l'uscita dell" estremo difensore dell" Alessandria. Il finale vede ancora l'Alessandria spingere alla ricerca di una rimonta impossibile senza però fortuna con la difesa ducale che soffre, ma trema solo raramente senza che Frattali debba rendersi protagonista di parate decisive. Il 2-0 finale, firmato Scavone e Nocciolini, non è che il verdetto corretto (e quasi mai in discussione) di una partita dove la voglia, la fame e la cattiveria prevalgono su tutto il resto. In panchina: Zommers, Mastaj, Saporetti, Messina, Nunzella, Garufo, Ricci, Simonetti, Sinigaglia. A disposizione: La Gorga, Mezavilla, Piana, Rosso, Iocolano, Piccolo, Barlocco, Nava, Evacuo. Complice il caldo, i ritmi calano vistosamente e da qui al termine della prima frazione di gioco non c'è più niente da segnalare, se non un l'assegnazione di 1' di recupero e l'espulsione del direttore sportivo del Parma, Faggiano.