Xbox One X: il nuovo gioiello Microsoft

Xbox One X: il nuovo gioiello Microsoft

La Xbox One X è stata presentata ieri 11 Giugno 2017 dalla Microsoft, durante l'E3 di Los Angeles. Se si vuol giocare agilmente in 4K, la scheda video più potente dell'universo non basta se non gli si attacca attorno un intero sistema ben costruito e costosetto: fate due conti e calcolate quanti soldi vanno messi sul piatto per un PC capace di far girare Anthem nello stesso modo in cui lo abbiamo visto al Xbox Media Briefing, e i 500 euro di Xbox One X vi sembreranno subito un investimento incredibilmente più vantaggioso.

Riguardo quelli che erano gli interrogativi principali della sera, Microsoft ha fatto finalmente la luce.

Il prezzo è spesso elemento determinate per scegliere quale console acquistare, soprattutto quando l'offerta tecnologica dei due dispositivi è competitiva. "Forse i giocatori non sono più disposti a spendere 60 $ per un titolo che ha un inizio, uno svolgimento e una fine". Vediamo le specifiche tecniche: otto Core Custom x86 a 2,3 GHz, Gpu a 1172 MHz; 12 GB di Ram; larghezza della banda di memoria di 326 GB/s; hard disk da 1 TB e lettore ottico 4K UHD Blu-ray.

L'annuncio di Xbox One X ha più che confermato le altissime aspettative dei gamer alla ricerca di una console in grado di supportare VR, 4K nativo, lunghe sessioni di gioco grazie alla presenza di un comparto hardware tanto equilibrato quanto potente, e una serie di titoli di lancio particolarmente entusiasmanti, come possiamo apprendere dalle ultime rivelazioni di Microsoft in merito.

Insomma, è stata una giornata campale per Microsoft, che ha deciso di spingere sull'acceleratore per provare a colmare il gap con PlayStation 4. Eppure, tutto ciò si può godere anche su PS4 e Xbox One. Xbox One X è una console per giochi pronta per il futuro ma che non taglia con il passato: i giochi e gli accessori per Xbox One attualmente esistenti rimangono infatti compatibili anche con Xbox One X e quindi chi possiede una libreria di titoli potrà continuare a divertirsi con essi, potendo anzi gustare un'esperienza di gioco ancora più fluida e prestazioni ancora migliori.

Alcuni titoli raggiungono un massimo di 30 fotogrammi al secondo in 4K., mentre quelli con una risoluzione inferiore si adattano tecnicamente avvicinandosi - ma non raggiungendo - l'ultra risoluzione.