La solennità del Corpus Domini 2017

La solennità del Corpus Domini 2017

"Il Corpus Domini - come ricorda Famiglia Cristiana - si celebra il giovedì dopo la festa della Santissima Trinità".

Il Corpus Domini (Corpo del Signore) è stato istituito nel 1246 grazie ad una suora che voleva celebrare il mistero dell'Eucarestia in una data diversa da quella della Settimana Santa. La Santa Messa, quindi, ci rinvia al Calvario dove il Signore ha offerto la sua vita per noi. Un tema, anzi un verbo in particolare ha utilizzato il Pontefice, ovvero: Ricordati. Eppure questa facoltà unica, che il Signore ci ha dato, è oggi piuttosto indebolita. Il pane umano sfama la fame del corpo ma non sfama la fame della vita che abbiamo e non la sfama per il fatto che moriamo anche con il pane umano e soffriamo anche con esso e ci dibattiamo in tante ricerche, in tante angustie.

L'Eucaristia è indispensabile per il ricordo perché, afferma Francesco, "forma in noi una memoria grata, perché ci riconosciamo figli amati e sfamati dal Padre; una memoria libera, perché l'amore di Gesù, il suo perdono, risana le ferite del passato e pacifica il ricordo dei torti subiti e inflitti; una memoria paziente, perché nelle avversità sappiamo che lo Spirito di Gesù rimane in noi". C'è una prova che non fallisce: è l'amore nel dividere con gli altri nostri fratelli! "Perché l'Eucaristia è il memoriale dell'amore di Dio".

R. - Proprio con l'Eucaristia. Le strade del paese saranno decorate con un tappeto floreale multicolore sul quale, la sera del 17 giugno, passerà la processione del Corpus Domini che servirà a testimoniare, ancora una volta, la grande fede dei guilmesi.

In processione, inoltre, ritorneranno anche quest'anno bambine e bambini che hanno ricevuto da poco la Prima Comunione, adolescenti della Cresima, chierichetti, sacerdoti, religiosi e religiose, associazioni diocesane.

In questo giorno dove si ricorda il miracolo accaduto a Bolsena nel 1263, a Civita Castellana, per loccasione e comè tradizione, sono allestiti nel centro storico, suggestivi tappeti di fiori con rappresentazioni sacre multicolori, lungo il percorso dove transita il corteo processionale.

"La visita di papa Francesco ha richiamato molti a scendere nelle strade della città per un saluto, per invocare una benedizione, per sentirsi parte di un popolo che riconosce un punto di riferimento - ha sottolineato nella lettera d'invito monsignor Bruno Marinoni, moderator curiae -". Al termine della solenne celebrazione eucaristica (ore 11), il parroco scenderà con il Santissimo Sacramento dalla scalinata dell'Abbazia per la tradizionale processione. Cliccando qui è possibile rivedere l'evento e così entrare meglio nella celebrazione presieduta dal Pontefice.