Parigi, auto contro furgone della polizia sugli Champs-Elysées

Parigi, auto contro furgone della polizia sugli Champs-Elysées

Paura a Parigi. Un uomo si è schiantato volontariamente con la propria auto contro un furgone della gendarmeria sugli Champs-Elysées. L'attentatore è morto sul colpo, e non ci sarebbero altri feriti.

Aggiornamento 17.15: l'uomo che si è lanciato con la sua auto contro un furgone della polizia è stato ucciso dalla polizia. Proprio all'Eliseo questa sera è previsto un incontro ufficiale tra il presidente Emmanuel Macron e il re di Giordania, Abdallah II. Sull'attentatore - dicono le stesse fonti - è stata trovata un'arma. Il terrorista che ha agito mettendo a segno l'attentato non si sarebbe avvalso dei complici.

Sulla vettura c'erano alcune bombole di gas, che hanno provocato l'esplosione del veicolo. È stata inoltre sgomberata la stazione Concorde, da cui partono le linee 1, 8 e 12 della metropolitana.

L'uomo è stato inseguito dalle forze dell'ordine, che lo hanno poi arrestato, davanti al commissariato dell'VIII arrondissement.

"Ancora una volta le forze di sicurezza in Francia sono state colpite con questo tentativo di attentato sugli Champs-Elysées", ha detto il ministro dell'Interno francese giunto sugli Champs-Elysées. Sempre secondo Le Parisien, l'aggressore aveva 31 anni, era originario di Argenteuil, comune nei pressi della capitale ed era stato schedato nella ormai nota "Fiche S" per radicalizzazione.