Milano, due casi di morbillo al Politecnico: "Massima allerta, esami in corso"

Milano, due casi di morbillo al Politecnico:

Per arginare quella che sembra una vera e propria epidemia di morbillo, che dall'inizio dell'anno si sta abbattendo sul Lazio (con circa 1000 casi registrati), la Regione sta mettendo in campo diverse iniziative.

"È assolutamente sotto controllo" la situazione al Politecnico dove due dottorandi del dipartimento di Elettronica hanno contratto il morbillo: lo ribadiscono dall'assessorato regionale al Welfare, aggiungendo che al Politecnico non c'è alcun allarmismo e le persone che hanno avuto contatti con i contagiati sono state avvisate e invitate a vaccinarsi, se non sono immuni e se lo ritengono opportuno.

Morbillo, due casi al PoliMi: via ai vaccini - Il primo caso è stato registrato lo scorso 14 giugno e ha colpito un ricercatore trentunenne. "Di questi, 10 risultavano già vaccinati, 7 immuni per aver già contratto la malattia", mentre "3 hanno aderito all'offerta della somministrazione e si sono fatti vaccinare". Grazie alla collaborazione del medico competente, responsabile della salute dei lavoratori del Politecnico, sono stati identificati 20 contatti di lavoro che sono stati valutati in relazione alla suscettibilità verso la malattia. A partire dalla proposta di vaccino per gli operatori sanitari.

Tredici giorni dopo, il 27 giugno, ecco il secondo caso. In tutti i casi, ha sottolineato Gallera, "le persone coinvolte sono state informate della opportunità di essere vaccinate se non già protette da pregressa vaccinazione o malattia, oltre ad essere informate sulle caratteristiche della malattia ai fini di una diagnosi tempestiva in caso di insorgenza di sintomi sospetti". "La vaccinazione - si legge - è a disposizione se si è venuti a contatto con un caso di morbillo ed è utile se effettuata entro le 72 ore dall'avvenuto contatto".