Banca Generali alza la stima della raccolta 2017 fino a 5,5 miliardi

Banca Generali ha diffuso, inoltre, i dati sulla raccolta netta di giugno: 620 milioni di euro che portano il saldo da inizio anno a 3,82 miliardi, una crescita del 31% rispetto a un anno fa.

La solidità nel trend di crescita di Banca Generali ha portato ad una revisione al rialzo delle attese di raccolta netta per il 2017, riviste tra 5 e 5,5 miliardi di euro (erano tra 4 e 4,5 miliardi).

Le masse gestite e amministrate per conto della clientela al 30 giugno 2017 sono stimate a 52 miliardi complessivi, con un rialzo del 9,5% da inizio anno. Le indicazioni giungono in occasione del MiFid Day organizzato a Londra dalla banca, in relazione alla nuova normativa europea che entrerà in vigore nel 2018.

Il trend di crescita di Banca Generali viene stimato in continua ascesa nel prossimo triennio con una spinta dalle management fees, front e banking fees: la capacità di intercettare nuovi flussi di risparmio dalla clientela si rafforza grazie alla personalizzazione delle soluzioni di investimento, all'esclusività delle piattaforme digitali e all'approccio nel wealth management. Il controllo del rischio, della volatilità e le possibilità di diversificazione dei nostri prodotti contenitore valorizzano la consulenza dei professionisti e gli obiettivi su misura per i loro clienti come dimostrano i dati della raccolta gestita raddoppiati rispetto all'anno scorso. La sostenibilità dei risultati - indica inoltre Banca Generali - risulta supportata dall'attenzione al contenimento dei costi operativi e a un'ulteriore riduzione dei costi legati alla crescita. La nuova produzione assicurativa a giugno è stata di 313 milioni dopo 315 milioni a maggio e ha totalizzato 1,72 miliardi nel semestre da 2,1 miliardi nella prima meta' del 2016.