Ubuntu Linux, un'app nella sandbox di Windows 10

Ubuntu Linux, un'app nella sandbox di Windows 10

Con questa mossa viene dichiarata conclusa la guerra fra Windows e Linux durata anni.

Dopo l'uscita di openSUSE, anche un'altra distribuzione Linux approda nello store Windows: Ubuntu.

Come largamente anticipato fin dalla presentazione della prima versione di Windows 10, Microsoft ha scelto di diventare finalmente più open source, consentendo agli utenti di installare una versione sandbox di Linux all'interno del proprio sistema operativo alla quale da oggi si affianca anche la famosa distribuzione Ubuntu per Windows 10, apprezzata ed utilizzata da milioni di utenti Linux in tutto il mondo.

La funzionalità è attualmente disponibile solo ed esclusivamente per gli utenti che partecipano al programma Windows Insider, la cui iscrizione è comunque aperta a tutti attraverso una procedura semplificata.

Per installare Ubuntu, basterà accedere al Pannello di Controllo (non l'app Impostazioni di Windows 10) e selezionare "Turn windows Feature On or Off", dopo di che sarà possibile selezionare "Windows Subsystem for Linux", che permetterà appunto a Ubuntu di avviarsi al riavvio successivo. E' una funzione introdotta nel sistema operativo di Microsoft con il Creators Update. Aprendo infatti la pagina dello store dedicata a Ubuntu si può leggere: "Questo titolo richiede le eccezionali nuove funzionalità disponibili gratuitamente nel programma Windows Insider", con il link che rimanda direttamente al portale Microsoft.

"Ubuntu on Windows allows one to use Ubuntu Terminal and run Ubuntu command line utilities including bash, ssh, git, apt and many more".