Vaccini obbligatori: le manifestazioni Freevax con il decreto dei dodici vaccini

Vaccini obbligatori: le manifestazioni Freevax con il decreto dei dodici vaccini

I comitati no vax si caratterizzano per la posizione di opposizione che assumono nei confronti del decreto sui vaccini obbligatori per l'accesso agli asili nido, alle scuole materne e infine alla scuola dell'obbligo che verrà discussa in Senato proprio in questi giorni.

Sul palco, dove hanno prestato la testimonianza diversi genitori contrari alla vaccinazione indiscriminata, medici che hanno spiegato la pericolosità di certi vaccini, anche Povia, che ha cantato 'Quando i bambini fanno oh', rivisitando il testo per l'occasione, "Chi comanda il mondo'", "una canzone che mi è costata 34 querele" ha spiegato, il filosofo Diego Fusaro ed il giornalista Gianluigi Paragone ha detto come la vicenda dei vaccini sia una "questione di interessi economici, di multinazionali e pensiero unico".

Tornare indietro sarebbe un pericoloso autogol per la salute dei cittadini. "Libertà!", il decreto del ministro della Salute per l'obbligo di vaccinare i bambini, come condizione 'sine qua non' per l'iscrizione a scuola. Intervenuti alcuni genitori di bambini che hanno subito danni da vaccino.

Villani ha poi aggiunto che ripristinare l'obbligo delle vaccinazioni era inevitabile anche perché il quadro generale nel nostro paese è davvero preoccupante. Sono, infatti, solo quattro iniezioni in quanto molti vaccini vengono combinati insieme. "Prevenire significa appunto intervenire prima che la gente si ammali e muoia". Nessun sovraccarico per il sistema immunitario perché "è scientificamente dimostrato che il sistema immunitario del bambino sarebbe in grado di sostenere la somministrazione di tutti i vaccini contemporaneamente".