Migranti in un albergo, barricate da cittadini e sindaco

Migranti in un albergo, barricate da cittadini e sindaco

Sono 1500 quelli in arrivo nel porto di Bari e di Corigliano Calabro. In Calabria sono tutti sub sahariani (923) a bordo della nave militare tedesca Rhein. Quello di Bari è il secondo sbarco in Puglia nel giro di poche ore, considerato che venerdì mattina a Brindisi era arrivata la nave Aquarius dell'ong Sos Mediterranee con a bordo 860 persone, tra cui un bimbo nato durante la traversata verso la Puglia. Il gruppo è composto da 595 uomini, 121 donne, delle quali 14 incinte e 203 minori. "Scortati da una cooperativa di Palermo".

"Avviso importante ed urgente". Dopo la plateale protesta del Sindaco Vincenzo Lionetto Civa che, insieme ad un gruppo di cittadini, ha bloccato la via d'accesso alla struttura, giunge la replica della Prefettura di Messina: "Si tratta di una struttura che è stata individuata in via di emergenza e urgenza dalla prefettura in seguito all'arrivo massiccio di quote di migranti". Non ritengo questo un atto di coinvolgimento istituzionale corretto per gli ovvi motivi di ricaduta sulla nostra comunità. "Mi sto recando immediatamente sul luogo dove indossando la fascia tricolore bloccherò l'ingresso con la mia autovettura della struttura alberghiera e li rimarrò". E per l'accoglienza è rivolta in alcuni comuni: a Pistoia dei residenti hanno messo in scena una protesta davanti alla prefettura per dire no a una nuova struttura per profughi che dovrebbe sorgere alla periferia est della città. "I cittadini hanno bloccato le vie di accesso. garantiti ingresso mezzi di pronto intervento", scrive sempre su Facebook Civa, documentando con le foto la ribellione del piccolo centro siciliano.