Sabatini: 'Vidal? E' un profilo da Inter, ci proveremo. E Di Maria...'

Sabatini: 'Vidal? E' un profilo da Inter, ci proveremo. E Di Maria...'

Il centrocampista del Bayern Monaco, però, continua a essere uno dei grandi obiettivi dei nerazzurri, come ribadito oggi in conferenza stampa da Walter Sabatini, responsabile dell'area tecnica: "Vidal?". "Suning è un colosso mondiale che ha deciso di espandersi anche nel settore del calcio". L'Inter è vigile sia su Nainggolan che su Vidal, aspettando lo spiraglio giusto. "Di Maria è fortissimo, ma non sono sicuro abbia le caratteristiche che cerchiamo". Ecco un estratto delle sue dichiarazioni.

Perché l'Inter non si è ancora scatenata sul mercato?

"Possiamo lavorare anche in modo silenzioso". Oltre a Dalbert ci sono altri giocatori sotto il nostro controllo che vogliamo portare a casa. Tifosi, credetemi: "state tranquilli". Serve tempo, ma l'Inter è una garanzia, faremo le cose giuste perché la squadra sia protagonista. Io questa società l'ho vista operare perché sono stato un testimone del lavoro fatto da Ausilio e Gardini prima del 30 giugno.

Ma niente spese folli per l'Inter, c'è un monte ingaggi da rispettare: "Certe operazioni non andrebbero fatte per rispetto del bilancio". Perisic andrà via? Dico le cose come stanno: Spalletti ci chiede di tenerlo, noi vogliamo farlo, fatto salvo che vogliamo tenere chi ha le giuste motivazioni.

Ausilio ha detto che non possiamo prendere giocatori con ingaggi folli anche per non creare problemi nello spogliatoio. Lo United è fortemente interessato. Lo United ha forte interesse nei suoi confronti, ma conosce la nostra idea sul ragazzo.

Subito si è cercato di tracciare l'identikit di questo giocatore che potrebbe arrivare dall'Inghilterra insieme al denaro: si è fatto il nome del francese Anthony Martial, attaccante 22enne, mentre Matteo Darmian resta un sogno difficilmente realizzabile.

Quanti giocatori mancano a questa squadra? "E soprattutto loro non sono il nostro modello, noi abbiamo altre idee: noi vogliamo reselezionare il gruppo, valutare i ragazzi e successivamente le integrazioni". Abbiamo preso su richiesta dell'allenatore, condivisa da me e dalla società, un catalizzatore di gioco come Borja Valero. Milan è forte, sarà un'opzione in più per la nostra difesa.

"A Spalletti piace molto ma in quel ruolo arriverà qualcun altro e vedremo cosa succederà". Il Milan sta facendo molto bene, sono stati bravi, tempestivi e hanno tutto sommato preso buoni giocatori. Stiamo puntando giocatori importanti per le società di appartenenza e per questo non è facile. Puntiamo obiettivi difficili, che non sono in linea con le volontà dei club interpellati, quindi serve tempo. "Molte operazioni sono veloci, altre no". "Non mi hanno sorpreso perché li conosco, ma nel vederli lavorare mi hanno sorpreso perché ho visto che lavorano con velocità e qualità". Poi mi auguro anche che lui mantenga in queste circostanze l'atteggiamento giusto.

Inter e un mercato in standby che preoccupa i tifosi nerazzurri, i cugini rossoneri regalano colpi di mercato a ripetizione e la Milano interista soffre.