Tumore alla prostata, più a rischio gli uomini alti e obesi

Tumore alla prostata, più a rischio gli uomini alti e obesi

Bensì, il rischio specifico di sviluppare una forma particolarmente aggressiva di carcinoma prostatico e di morirne crescerebbe di più del 20%, e aumenterebbe progressivamente, del 17%per ogni ulteriori 10 centimetri di altezza.

Non solo l'obesità ma anche l'altezza gioca un ruolo negativo nel cancro della prostata, uno dei tumori più diffusi nella popolazione maschile.

Secondo uno studio dei ricercatori dell'Università di Oxford, appena pubblicato sulla rivista scientifica BMC Medicine, gli uomini che associano ad una statura elevata un abbondante girovita hanno una probabilità maggiore di ammalarsi di un tipo di tumore alla prostata più aggressivo [VIDEO] fino al sopraggiungere del decesso. Medesimo discorso per la circonferenza dei fianchi, che secondo i dati fa lievitare il rischio di contrarre il tumore del 18 e del 13% ogni centimetro di girovita.

Aurora Perez-Cornago, la dotteressa che guidato il team che ha fatto la ricerca, ha spiegato: "È già stato scientificamente documentato che il sovrappeso è un fattore di rischio per molte patologie croniche, quali ipertensione, diabete, malattie cardio e cerebro-vascolari (infarto, scompenso cardiaco, ictus), oltre che di tumori (come quelli di mammella, ovaio, endometrio e colon retto)".

Inoltre è stata dimostrata una stretta correlazione tra accumulo di grasso a livello addominale e pericolo di tumore e questi risultati confermano quanto sovrappeso e obesità siano responsabili dell'insorgenza di un tumore.

Che cosa lega il cancro alla prostata al sovrappeso e all'altezza?

Per quanto riguarda, invece, il legame con l'altezza le certezze sono ancora minori.

"Oppure - continua - potrebbe in parte dipendere dall'alimentazione in età infantile e adolescenziale, in grado di influire sulla statura e sull'azione del sistema immunitario e, quindi, sul rischio di cancro".