Enna, commerciante d'auto ucciso davanti casa: Filippo Marchì aveva 48 anni

Enna, commerciante d'auto ucciso davanti casa: Filippo Marchì aveva 48 anni

A sentire gli spari e ad accorrere per prime sono state proprio la moglie e una figlia della vittima, le quali hanno lanciato l'allarme.

Si è appreso che l'uomo 10 anni fa era stato definitivamente assolto da un'accusa di omicidio, ottenendo un risarcimento di oltre mezzo milione di euro per ingiusta detenzione. L'uomo abitava con la famiglia sulla strada provinciale che collega Enna a Barrafranca e di fronte all'abitazione aveva un appezzamento di terreno dove al momento dell'agguato stava lavando la propria autovettura. Dopo l'assoluzione Marchi' non risulta piu' essere stato coinvolto in inchieste o operazioni contro la criminalita' organizzata, anche se l'arrivo sul luogo del delitto del sostituto procuratore Condorelli della Dda di Caltanissetta che da subito ha assunto il coordinamento delle indagini, lascia intendere che la pista seguita fin dalle primissime ore del delitto e' quella mafiosa.

Il commerciante è stato ucciso con un fucile a canne mozze.

Marchì, molto noto in paese per la sua attività di vendita di auto usate, è una vecchia conoscenza della giustizia italiana.

Un passato macchiato da un'accusa gravissima di omicidio, quello di Filippo Marchì, il commerciante d'auto freddato a colpi di lupara nella giornata di ieri in provincia di Enna, mentre si trovava nella sua proprietà terriera, intento a lavare l'auto. Quel delitto del 2001, dopo il suo proscioglimento, è rimasto irrisolto. Sedici anni fa fu accusato di avere ucciso un imprenditore del settore movimento terra a Barrafranca, trovato morto in auto sulla strada provinciale Enna-Barrafranca.