Ergastolo per Rocco Schirripa: è lui l'assassino del procuratore Bruno Caccia

Ergastolo per Rocco Schirripa: è lui l'assassino del procuratore Bruno Caccia

Milano -Continua a dichiararsi innocente, Rocco Schirripa, accusato di essere l'esecutore materiale dell'omicidio del procuratore di Torino, Bruno Caccia, ucciso dalla 'ndrangheta nel 1983. "Ci riserviamo di leggere le motivazioni della sentenza, che saranno disponibili tra 90 giorni, e siamo certi che ci saranno dei buchi nella ricostruzione dei fatti, che ci permetteranno di impugnare il verdetto", ha detto l'avvocato Basilio Foti, che con il collega Mauro Anetrini difende Schirripa. Schirripa, impassibile, ha ascoltato la sentenza in piedi nella gabbia riservata agli imputati.

Per il Pubblico Ministero, invece, non è certo se sia stato Schirripa a premere il grilletto contro il magistrato, ma è sicura la sua presenza nel 'commando' della 'ndrangheta. "Ci sono ancora tante cose da indagare e da aggiungere", Commentano le figlie Paola e Cristina Caccia, appena dopo la lettura della sentenza. "I giudici hanno dato l'ergastolo, senza pietà". Ora speriamo che si possa allargare.