Malpensa. Operazione Perseo 11 arresti e 21 denunciati

La droga intercettata era cocaina nera (black cocaine, mescolata a particelle magnetiche nere di ferro e di potassio tiocianato per cambiarne colore e odore).

La Guardia di Finanza nel corso di una lunga e fruttifera operazione nell'area cargo dell'Aeroporto della Malpensa ha sequestrato 205 chilogrammi di droghe varie. Undici persone, invece, sono state arrestate e altre 21 denunciate a piede libero all'autorità giudiziaria.

I controlli hanno permesso alle fiamme gialle di sequestrare oltre duecentocinquanta chili di sostanze stupefacenti: diciotto chili di cocaina, tre di eroina, quaranta di marijuana, cinquanta di hashish, oltre cento chili di khat - la "droga dei poveri" che si mastica - e trenta chili di altre droga. Le indagini sono state estese in tutta Italia grazie all'esecuzione di 14 "consegne controllate": la merce è stata seguita fino a destinazione su ordine della procura di Busto Arsizio e si è cosi arrivati ai destinatari. Durante una di queste operazioni è stato ammanettato un dominicano, residente in provincia di Lecco, che era il destinatario di un pacco dalla Bolivia. Il controllo dei militari operanti ha permesso di rinvenire, all'interno della spedizione, un apparecchio elettronico al cui interno veniva individuato un involucro di plastica contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina nera, per un peso lordo di un chilo. In quel caso - ed era la prima volta che ne sentiva parlare - la polizia era riuscita a mettere le mani su due tonnellate di "coca negra", che immessa sul mercato avrebbe fruttato ai narcos montagne di soldi.

In un'altra operazione sono state tratte in arresto tre persone, residenti nella bergamasca, resisi responsabili dell'importazione di oltre 24 kg di marijuana contenuta in tre diverse spedizioni e di deferire in stato di libertà il "corriere di zona", dipendente di una ditta di trasporti, cittadino albanese, anch'egli complice dell'organizzazione, il quale, dietro compenso, si preoccupava di individuare le spedizioni destinate a soggetti inesistenti, deceduti o residenti in vie inesistenti e consegnare la merce in luoghi stabiliti adibiti a magazzino.

Sempre nella stessa operazione sono stati sequestrati anche oltre 9.000 prodotti farmaceutici sprovvisti delle autorizzazioni rilasciate dall'Agenzia Italiana del Farmaco, diversi apparati telefonici, personal computer, tablet e 27.000 euro in contanti, proventi derivanti dall'attività di spaccio.