Mondiali di nuoto Budapest 2017 - Flamini-Minisini, il sincro è d'oro

Mondiali di nuoto Budapest 2017 - Flamini-Minisini, il sincro è d'oro

Così Giorgio Minisini e Manila Flamini sono entrati nella leggenda dello sport italiano, così la nostra eccezionale coppia mista si è laureata Campione del Mondo: per la prima volta nella storia l'Inno di Mameli risuona in una piscina internazionale di nuoto sincronizzato. Un punteggio che gli è bastatato per superare di poco i russi Mikhaela Kalancha e Alekaandr Maltse, che hanno guadagnato 90.2639. Medaglia di bronzo per gli Stati Uniti con Kanako Kitao Spendlove e Bil May che hanno totalizzato 87.6682.

Manila Flamini (30 anni) e Giorgio Minisini (21 anni) hanno portato un esercizio che proponeva il tema dei migranti. "A scream from Lampedusa" racconta il dramma e la speranza delle migliaia di famiglie che ogni giorno fuggono da guerre e carestie per cercare rifugio in Europa. Ce l'ha fatta, con cocciutaggine. Un passo avanti eccezionale per i due atleti, bronzo due anni fa a Kazan. Ha vinto la coppia, Giorgio è formidabile, ma lasciatemi ringraziare pubblicamente Manila per la forza e l'impegno che ci ha messo. Una profezia che, oggi, si è avverata. Ha salutato il maestro di taekwondo della palestra di Ladispoli, ha lasciato la pallanuoto al fratello Marco e ha chiesto aiuto a mamma Susanna, ex atleta di sincronizzato.

Al Varoliget Park di Budapest è la bandiera italiana a sventolare più in alto di tutte nella gara del duo misto tecnico. Minisini infatti tornerà in vasca con Mariangela Perrupato per una medaglia nel Libero. "Da piccolo sognavo di partecipare al mondiale, poi sognavo di vincerlo - esordisce Giorgio Minisini - ho sempre avuto grandi ambizioni e il mio carattere mi ha aiutato ad arrivare fin qui".