Umbria Jazz 17, bilanci e prospettive

Umbria Jazz 17, bilanci e prospettive

La Regione farà un tentativo L'assessore regionale Fernanda Cecchini - a precisa domanda di umbriaOn - ha comunque assicurato che la Regione farà un tentativo per armonizzare le date: "Nonostante la sovrapposizione entrambi gli eventi sono andati benissimo". "Umbria Jazz e il Festival dei Due Mondi non sono paragonabili per numeri e per quantità di concerti". Del resto il concerto di ieri sera, Brian Wilson per i 50 anni di Pet Sounds, conferma una strategia artistica che fa parte del DNA del festival. "Quelle del Festival di Spoleto sono elastiche come la pelle dei cojoni, così non va bene!". Oltre a Giovanni Paciullo (rettore Università Per Stranieri), Carlo Pagnotta e Marco Molendini (Fondazione Umbria Jazz), Giampiero Rasimelli (in rappresentanza della Regione Umbria) e Luca Ferrucci (commissario Adisu), sono intervenuti anche Huang Jianyi (JZ All Stars), Dario Cecchini (Funk Off) e Marina Sereni (vicepresidente della Camera dei Deputati): quest'ultima, insieme agli altri parlamentari umbri, ha presentato la legge (passata alla Camera, ora in attesa di approvazione al Senato) per il sostegno e la valorizzazione del festival, riconoscendolo come un patrimonio culturale del Paese. "L'Arena contiene 5mila spettatori seduti e 10mila in piedi, il Morlacchi 680". Circa 2 milioni gli utenti che hanno visualizzato i contenuti di UJ17, con più di 60 eventi documentati dal vivo e raccontati dai canali social di UJ attraverso oltre 400 post, tweet e foto. Su Facebook - è emerso dal bilancio a conclusione della rassegna - quasi 500 mila interazioni e 100 mila tra like e condivisioni, con la pagina ufficiale di Uj che ha raggiunto i 109.000 like. Il sito internet www.umbriajazz.com ha fatto registrare circa 100.000 visite e 500.000 visualizzazioni. Detto questo, Umbria Jazz continuerà a valutare la sostenibilità di grandi eventi, anche al di fuori del jazz 'ortodosso', per aggiungere altre star al suo già ricco percorso artistico.

Il palco di Umbria Jazz Festival edizione 2017 vedrà, questa sera a Perugia, scaldare gli animi e le voci dei contribuenti e di tutti coloro che si presenteranno proprio per celebrare un momento musicale di grande rilevanza ed importanza come questo: stiamo ancora parlando dell'Umbria Jazz Festival, che anche per quest'anno ha previsto la partecipazione di nomi davvero interessanti tra i quali si possono ricordare sicuramente anche nomi nuovi, che proprio da questo evento cercano di essere conosciuti, apprezzati e quindi riconosciuti. "Avendo più tempo a disposizione, rispetto a quest'anno, pensiamo che in futuro si potrà ragionare insieme per modellare ancora meglio queste misure sulla realtà del festival". "Umbria Jazz è un festival molto speciale per me", ha dichiarato Hiromi durante l'esibizione. Ricordiamo sia il generoso concerto di Pat Metheny ad Assisi il 4 maggio che l'altrettanta generosa performance del presidente, Renzo Arbore, e degli altri artisti italiani nel "prologo" del week end 1-2 luglio in piazza San Benedetto.