Energy drink falsi, maxi sequestro di lattine a Torino

Energy drink falsi, maxi sequestro di lattine a Torino

La Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato lunedì oltre 15'000 lattine di un noto energy drink con marchio contraffatto rinvenute all'interno di frigoriferi, stoccate sotto il sole e occultate in magazzini abusivi, nei quartieri di San Salvario e Porta Palazzo del capoluogo piemontese.

La società finita nel mirino delle fiamme gialle, gestita da un 40enne italiano e da un 50enne di origini kosovare, importava dal Kosovo le lattine di una bevanda contenente una percentuale di Taurina inferiore all'originale, sulle quali venivano poi apposte le etichette del noto energy drink.

La vendita della falsa bevanda energetica, che avrebbe fruttato oltre 100mila euro, era circoscritta solamente al mercato parallelo. I prodotti, anche quelli sequestrati a Milano, erano tutti destinati al mercato torinese, dove rifornivano in particolare negozi gestiti da imprenditori originari del Bangladesh.

Anche la bevanda può essere taroccata. E' stata infatti confermata la presenza di soli prodotti originali nei bar e nei minimarket piemontesi. Otto i responsabili (1 italiano, 3 Bengalesi, 2 Cinesi, 1 Albanese e 1 Nigeriano) individuati dalla Guardia di Finanza, che dovranno rispondere davanti all'Autorità Giudiziaria di vendita di prodotti contraffatti, ricettazione e frode in commercio nel settore alimentare.

Le analisi chimiche effettuate hanno dimostrato, questa volta per fortuna, che il prodotto utilizzato nella frode non era nocivo per la salute.