Atlantia rileva il 29,38% del Marconi

"Con soddisfazione salutiamo l'ingresso di Atlantia all'interno dell'azionariato dell'Aeroporto di Bologna".

Investimento da 164,5 milioni.

Investimento di 164,5 milioni (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 03 ago - Atlantia rileva il 29% dell'Aeroporto di Bologna.

La Italian Airports fa capo a Strategic Capital Advisors Limited, società di investimenti legata alla BI Invest della famiglia Bonomi, mentre la San Lazzaro Investments Spain è il veicolo del fondo d'investimento americano (ma con diversi interessi in Italia) Amber Capital. Il valore a cui sono state scambiate le azioni dimostra quanto il lavoro svolto sull'Aeroporto di Bologna sia stato importante, proficuo ed efficiente, ed è quindi grande la soddisfazione con cui salutiamo l'ingresso degli investitori nella nostra società.

Rally a Piazza Affari di Aeroporto Guglielmo Marconi: l'azione del gestore dello scalo bolognese guadagna il 10,41% e si porta a 15,49 euro dopo un allungo a quota 15,90 euro. Nel corso del primo semestre di quest'anno, inoltre, lo scalo ha registrato una crescita del traffico passeggeri pari al 6,6% lasciando prevedere per l'intero 2016 un flusso superiore alla soglia degli otto milioni di transiti. "Siamo convinti che Atlantia, gruppo industriale italiano con grandi competenze ed esperienze nella gestione di aeroporti, fornirà un apporto importante orientato alla valorizzazione della infrastruttura", commenta il numero uno della Camera di commercio, Giorgio Tabellini. Giovanni Castellucci citi anche il People Mover tra i fattori che renderanno il Marconi ancora più competitivo, un'opera in piena realizzazione e che permetterà il collegamento rapido tra aeroporto e stazione ferroviaria.