Trenitalia: 5 milioni di multa da Antitrust

Trenitalia: 5 milioni di multa da Antitrust

Per questo Trenitalia è stata punita dall'Antitrust con una multa da 5 milioni di euro. Stessa cosa accade a chi fa la stessa ricerca tramite le emettitrici self-service di stazione e la App Trenitalia per smartphone e tablet.

In particolare le soluzioni di viaggio che prevedono un cambio con l'utilizzo di treni regionali non sono mai incluse nei risultati di ricerca.

L'Autorità ha accertato che l'insieme di soluzioni di viaggio proposte su questi strumenti informatici omette quelle con treni regionali (generalmente più economiche), un'omissione che dunque altera la scelta del consumatore. Trenitalia, si legge nella nota del Garante, non ha in alcun modo informato i consumatori in merito a tale importante limitazione, ma ha anzi utilizzato, sul sito aziendale, la denominazione ingannevole "tutti i treni".

L' Autorità garante della concorrenza e del mercato è arrivata a questo risultato dopo un complesso procedimento di accertamenti e si è avvalsa della collaborazione del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, tenendo conto del parere reso dall'ART (Autorità Regolazione Trasporti) oltre a quello di AGCOM sul mezzo di diffusione. L'Autorità ha ritenuto "tale pratica commerciale scorretta ai sensi degli articoli 20, 21 e 22 del Codice del Consumo e ha irrogato a Trenitalia S.p.a. una sanzione di 5 milioni di euro, pari al massimo edittale".