Protezione civile, Fabrizio Curcio si è dimesso: "Lascio per motivi personali"

Protezione civile, Fabrizio Curcio si è dimesso:

Nella sua lettera di dimissioni, come si apprende dalla nota di Palazzo Chigi, Curcio scrive: "Il ruolo di Capo del Dipartimento della Protezione Civile è unico, necessariamente assorbente e totalizzante per chi lo ricopre, dati tutti i rischi presenti sul territorio italiano e il complesso ma strepitoso Sistema di componenti e strutture operative che ruota intorno al Dipartimento stesso".

Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha ricevuto oggi dal Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, una lettera nella quale, a causa di motivi strettamente personali, chiede di poter essere sollevato dall'incarico attualmente ricoperto.

Borrelli, laureato in Economia e Commercio, è revisore contabile e dottore commercialista. Nel 2000 arriva alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, all'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile. Terremoti e maltempo, che da agosto 2016 a febbraio 2017 hanno colpito l'Umbria, le Marche, il Lato e l'Abruzzo, hanno costretto Curcio e i 'suoi' uomini a lavorare in condizioni veramente difficili. "La scelta di una figura interna al Dipartimento come nuovo capo non può che rappresentare un riconoscimento da parte del Governo e delle istituzioni del lavoro finora svolto". La 'promozione' a capo risale, come detto, al 3 aprile di due anni fa: "il Dipartimento - promette al momento dell'insediamento - continuera' ad affrontare i problemi del Paese, in perfetta continuita' con la gestione precedente" e "in maniera chiara e trasparente". Un uomo che ha sempre lavorato con abnegazione e ha seguito con attenzione estrema tutti questi giorni che hanno caratterizzato l'emergenza dei nostri territori e dei cittadini rimasti senza casa. "Ad Angelo Borrelli - ha concluso la presidente - vanno i miei più sentiti auguri di buon lavoro". Una decisione improvvisa che l'ormai ex capo ha giustificato con "motivi strettamente personali". "Curcio - ha sottolineato Alemanno - ha gestito questi mesi, oltre che con professionalità, anche con grande sobrietà e serenità, senza mai farsi prendere la mano, quando invece era facile farsela prendere, soprattutto perché all'emergenza si sono aggiunte altre emergenze". Per il sindaco di Norcia "la Protezione civile guidata da Curcio, nonostante le risorse sempre più esigue, ha saputo dare risposte efficaci alle emergenze".