Tromba d'aria, danni nel Rodigino e nel Veneziano

Tromba d'aria, danni nel Rodigino e nel Veneziano

Pesante il bilancio della perturbazione in tutte le località balneari e nel Polesine.

Danni anche a Venezia dove solo volate via edicole, tende e tavolini all'aperto. Danni anche in tutta la Bassa friulana e a Pordenone. Decine le segnalazioni arrivate ai vigili del fuoco.

Forti temporali e disagi in tutto il Centro-Nord - Sono diverse le zone del Centro-Nord colpite pesantemente dall'ondata di maltempo. Molti gli interventi di vigili del fuoco, forze dell'ordine locali e protezione civile. Per la caduta di alberi che interrompono completamente la circolazione ci sono zone isolate. La Regione informa che a Cavallino le 15 autoambulanze della centrale operative di Urgenza ed Emergenza dell'Ulss 4 stanno facendo la spola tra i campeggi per soccorrere i feriti e l'elicottero del Suemm sta monitorando dall'alto.

A Venezia, in pieno centro, turisti spaventati hanno cercato riparo sotto le pensiline delle fermate dei vaporetti.

Venerdì 11 agosto nella notte e fino alla mattinata saranno ancora probabili diffusi temporali, anche forti. Paura poi per un fulmine che è caduto in campo San Zulian, dietro la basilica di San Marco. Domani la giunta provinciale voterà una delibera per dichiarare lo stato di calamità naturale. Una tromba d'aria si è abbattuta ad Albarella, in provincia di Rovigo. I danni principali si registrano nei comuni di Rosolina, compresa l'isola di Albarella, e a Taglio di Po. Il Veneto per il momento è sotto scacco. La macchina dei soccorsi è partita a rilento perché le strade sono difficilmente praticabili a causa degli alberi caduti.

La tromba d'aria ha abbattuto linee telefoniche, divelto pali elettrici, spostato e fatto volare alberi e automobili.

Intanto risulta interrotto il funzionamento del tratto ferroviario compreso tra Venezia e Trieste. Lo riferisce Trenitalia. Alcuni treni diretti verso il capoluogo giuliano stanno accumulando ritardi che arrivano a 30 minuti.