Hellblade Senua's Sacrifice non ha il permadeath

Hellblade Senua's Sacrifice non ha il permadeath

Sono passati appena un paio di giorni dall'usctia di Hellblade: Senua's Scarifice e sono molte le voci e i report che vedrebbero una particolare forma di permadeath all'interno del gioco, legata al numero di volte in cui la nostra protagonista verrebbe uccisa.

Stiamo parlando di Hellblade: Senua's Sacrifice, l'ultimo titolo sviluppato dagli inglesi di Ninja Theory, team conosciuto per il lavoro su Heavenly Sword, Enslaved: Odyssey to the West e DMC: Devil May Cry. Nel caso non vogliate anticipazioni, non proseguite la lettura.

L'idea degli autori era probabilmente quella di enfatizzare il concetto delle illusioni di Senua e portarlo al di fuori del gioco stesso, ma una prova avrebbe rivelato che si trattava appunto di un meccanismo inesistente.

Il titolo ha catturato il nostro interesse per diverse ragioni, che sia per l'incantevole stile artistico o l'espolarazione di temi come le malattie mentali, perciò abbiamo fatto uno stream di due ore per darvi un'assaggio di tutto questo. Sembra, però, che in realtà questa non possa superare l'altezza del gomito, come ci viene mostrato nel video al quale vi lasciamo. Sul braccio della protagonista appare una macchia oleosa che si allarga morte dopo morte: se questa arriva fino alla testa della giovane si attiva il permadeath. La feature servirebbe solo a trasmettere tensione al giocatore. Vedremo se Ninja Theory deciderà di commentare ufficialmente la questione.