Istat, commercio estero: a giugno export -2,9% e import -1,0%

Istat, commercio estero: a giugno export -2,9% e import -1,0%

A giugno 2017, la diminuzione congiunturale dell'export (-1,0%) è da ascrivere al calo delle vendite di beni di consumo non durevoli (-1,9%), beni strumentali (-0,9%), beni intermedi (-0,7%) e beni di consumo durevoli (-0,9%). Ma rispetto a un anno fa il vento resta in poppa.

Come certifica l'Istat, rispetto a maggio, infatti, a giugno si registra una diminuzione sia delle esportazioni (-1%) che delle importazioni (-2,9 per cento). L'area extra Ue vede una diminuzione dell'1,4%. Più accidentata sembra la rotta verso i Paesi non europei. Nel secondo trimestre, l' Export aumenta dello 0,6% grazie alla spinta dell'area Ue (+2,3%).

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Nei primi sei mesi dell'anno l'avanzo commerciale raggiunge 19,1 miliardi (+36,0 miliardi al netto dei prodotti energetici) con una crescita sostenuta sia per l'export (+8,0%) sia per l'import (+11,3%) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Rispetto ai principali mercati di sbocco, si segnala la marcata crescita tendenziale delle esportazioni verso Germania (+8%), Francia (+9%) e Stati Uniti (+12,4%).

A giugno 2017 il surplus commerciale è di 4,5 miliardi (+4,7 miliardi a giugno 2016).

Sul Sole 24 Ore in edicola domani tutti gli articoli, i dettagli e i commenti ai dati sull'export.