NBA - Zach Randolph arrestato a Los Angeles

NBA - Zach Randolph arrestato a Los Angeles

Il 36enne, un lungo passato a Memphis, aveva invitato alcune persone a casa sua dove si stava tenendo un party molto chiassoso che evidentemente disturbava il vicinato: qualcuno ha così chiamato la polizia che, arrivata a casa di Randolph, s'è trovata di fronte ad un gruppo di persone che stavano fumando marijuana. I quali, salutati i problematici DeMarcus Cousins e Matt Barnes, erano convinti di essersi allontanati da certe vicende, e invece le cose hanno preso una piega persino peggiore. Ieri sera alle 22 locali infatti l'ex giocatore dei Memphis Grizzlies è stato arrestato a Los Angeles in possesso di un grosso quantitativo di marijuana, una quantità talmente grande da aver portato i poliziotti del Los Angeles Police Department a pensare che Randolph avesse tutta l'intenzione di spacciarla.

Alla fine la polizia ha sequestrato due pistole, droga, soldi in contanti e due macchine. L'agente e avvocato del giocatore, Raymond Brothers, ha respinto le accuse, definite "false" e "fuorvianti".

Zi-Bo come detto ha appena firmato un contratto biennale con i Sacramento Kings a 24 milioni di dollari. Un cattivo esempio che non ha mai abbandonato Randolph.