Lavoro, Istat: le imprese tornano a cercare personale

Lavoro, Istat: le imprese tornano a cercare personale

Le imprese tornano a cercare personale, con la quota di posti di lavoro vacanti, per cui le aziende sono a 'caccia' di candidati, che tocca lo 0,9% nel secondo trimestre, il massimo da quando è iniziata la serie, ovvero dal 2010.

Secondo la prima stima, rispetto ai primi tre mese dell'anno, ci sarebbe un incremento di 0,1 punti percentuali nei servizi, riuscendo a raggiungere l'1,0% rispetto alla stabilità del 7,0% dell'industria.

Le prossime stime preliminari del tasso di posti vacanti nell'industria e nei servizi, riferite al terzo trimestre 2017, saranno pubblicate sempre on line, il 13 novembre 2017, a 44 giorni dalla fine del trimestre di riferimento.

I dati qui presentati si riferiscono ai posti vacanti per lavoratori dipendenti nelle imprese con almeno 10 dipendenti dell'industria e dei servizi. Si tratta di un indice 'spia', che dà il senso di dove si sta andando. Nello specifico, le vacancies forniscono una misura delle ricerche di personale che alla data di riferimento (l'ultimo giorno del trimestre) sono già iniziate e non ancora concluse.

Il mercato del lavoro italiano sembra aver imboccato la strada della ripresa.

Il tasso di posti vacanti può fornire, usato assieme ad altri indicatori, informazioni utili ad interpretare la congiuntura. L'Istat infatti spiega che queste posizioni "possono dare segnali anticipatori sull'andamento del numero di posizioni lavorative occupate nel prossimo futuro".