Ll doodle di Google celebra i 44 anni dell'hip hop

Ll doodle di Google celebra i 44 anni dell'hip hop

Nel corso degli anni Google ci ha ormai abituati ai suoi doodle sempre originali e sempre più spesso interattivi.

L'11 agosto del 1973, nel quartiere del Bronx, un DJ di americano diorigine giamaicana, Kool Herc, scese in strada nel noto quartiere newyorkese per organizzare una festa unica nel suo genere: il DJ unì, grazie ad una tavola giradischi che contava due piatti per dischi in vinile, univa le due anime della musica amata dai neri d'America, il funk ed il soul. Se si clicca sui dischi che girano, invece, si può modificare la velocità con cui girano, farli tornare indietro o scratchare. La tecnica sarebbe nata quando era solo un bambino, sua madre gli chiese di abbassare il volume della musica e lui fermò il disco con la mano, facendo la grande scoperta. Prima di accedere al mixer offerto da Google per festeggiare la nascita dell'hip hop, nella schermata principale del motore di ricerca si nota il logo di Google personalizzato con un graffito.

Nel doodle trovate degli obiettivi da raggiungere, partendo da quelli più semplici per poi arrivare a quelli più complessi: mixare due dischi della stessa tonalità fino ad arrivare a una selezione di cinque dischi e oltre. Ed è per celebrare questo 44esimo anniversario che Google ha rilasciato un nuovo Doodle che permette agli utenti di usare la piattaforma tipo dei primi dj, non prima però di aver brevemente raccontato la storia di un genere musicale che ha conquistato, e conquista, intere generazioni. Se Dj Kool Herc è considerato il padre dell'hip hop, la madre è Sylvia Robinson, fondatrice della Sugar Hill Records, della quale è stata anche amministratrice delegata.